Ma gli  Scout  parlano lo  Scoutese ?

          

A B C D E F G H J K I L M N O P Q R S T U V X Y Z

               

                                       

  A.G.E.S.C.I.

 

Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani

Associazione nata nel 1974 dall'unione dell'A.S.C.I. e dell'A.G.I.

Appartiene insieme al C.N.G.E.I. alla F.I.S. (Federazione Italiana Scoutismo).

      

A.G.I.

 

Associazione Guide Italiane.

Movimento dello Scautismo femminile in Italia fino al 1974.

      

A.S.C.I.

Associazione Scout Cattolici Italiani

Movimento dello Scautismo maschile in Italia fino al 1974.

              

Alfiere

 

Colui che porta la fiamma.

Nel nostro Reparto il Vice Capo della Squadriglia che ha vinto il Campo Estivo.

        

Alpenstock

 

Bastone di legno alto 1,5 m. dotato di punta finale per essere piantato nel terreno, che viene utilizzato per il  totem, guidoni, fiamma etc...

                                   

Alta Squadriglia

 
Nel Reparto E/G è composta dai ragazzi e dalle ragazze di 3^ - 4^ tappa; è un ambiente formativo, senza compiti di gestione del Reparto (che spettano al Consiglio Capi).

              

Ambiente  Fantastico

 
La scelta caratterizzante il metodo della Branca Lupetti/Coccinelle è l'Ambiente Fantastico come traduzione pedagogica di un racconto. Per Ambiente Fantastico si intende il gioco continuativo di un tema in cui sono immerse le attività del Branco e del Cerchio in complementarietà con gli altri strumenti del metodo. L'intuizione di B.-P. della "Parlata nuova" offre all'adulto uno strumento di comunicazione comprensibile al bambino ed al bambino la possibilità di farsi capire dall'adulto attraverso un linguaggio alla propria portata.

Gli Ambienti Fantastici utilizzati nella Branca L/C per l'educazione dei bambini e delle bambine nello Scoutismo sono i seguenti:

  • la Giungla, vissuta attraverso le Storie di Mowgli nell'utilizzazione fattane da B.-P.;
  • il Bosco, vissuto attraverso il racconto Sette Punti Neri nella elaborazione fattane dalla Branca L/C;

I due Ambienti Fantastici possono essere liberamente adottati in Unità maschili, femminili e miste.
Le Unità che adottano l'Ambiente Fantastico Giungla prendono il nome di Branco; quelle che adottano il Bosco prendono il nome di Cerchio.

                      

Animazione

                            

                     

Assistente Ecclesiastico

 

Sacerdote corresponsabile del Progetto Educativo scout all'interno dell'unità, della Comunità Capi e degli altri livelli associativi.

Esercita il mandato sacerdotale che gli viene affidato dal Vescovo e insieme con gli altri Capi annuncia e testimonia la proposta cristiana.

(Art.9 Statuto)

          

             

B.A. (Buona Azione)

 

"Buona Azione" è un termine per ricordare agli Esploratori ed alle Guide l'impegno, preso con la Promessa, di aiutare gli altri in ogni circostanza e quindi saper cogliere le occasioni adatte per farlo ogni giorno. Questo termine aiuta a pensare a tale impegno in maniera da sviluppare la creatività, da saper afferrare il momento per fare una gradita sorpresa a qualcuno, da non aspettarsi ricompensa.

Baden Powell  non l’aveva chiamata B.A. ma  Good  Turn, cioè «bel tiro», l’incon­trario di uno scherzo cattivo o stupido, ma pur sempre uno scherzo, una sorpresa che diverte chi la riceve e chi la fa.

           

Baden Powell   (B.-P.)

Robert  Stephenson  Smyth  Baden  Powell , Lord  of  Gilwell

 

Fondatore del Movimento Scout.

                     

Bans

 
Combinazione canzoncina e gesti da fare simultaneamente a scopo ludico.

         

Boy Scout

 

Voce antiquata, oggi sostituita da Scout (plurale: Scouts).

La stessa associazione inglese dal 1967 ha preso il nome di The Scout Association, ed anche gli organi mondiali hanno lascito cadere la parola "Boy".

                                 

   Branca   Esploratori/Guide

 

La Branca Esploratori/Guide si rivolge ai ragazzi dagli 11-12 ai 16 anni che si uniscono in Unità chiamate Reparti. I fini della proposta educativa della Branca, comuni a tutta l'Associazione. Essi sono presentati in maniera adeguata all'età, rispettando i tempi di crescita dei singoli e della comunità; ad essi debbono ispirarsi tutte le attività del Reparto sia nella fase di preparazione che in quella di realizzazione, sia, infine, in sede di verifica.

Il metodo educativo utilizzato è quello dello Scoutismo i cui fondamenti si trovano nell'opera di B.-P. L'esperienza fatta dai ragazzi nella Branca e/g si pone come continuazione di quella da loro eventualmente già fatta nei Branchi-Cerchi e tende a completarsi organicamente in quella della Comunità Rover/Scolte.
La realizzazione di tale continuità è compito statuario della comunità Capi, ma i Capi Reparto, per la posizione centrale della Branca, vi pongono particolare attenzione.

L'intero Reparto vive nello spirito espresso dalla Legge, Promessa e Motto.

          

   Branca   Lupetti/Coccinelle

 
Lo Scoutismo apre il suo ciclo educativo con una proposta ai bambini ed alle bambine dai 7/8 anni agli 11/12 anni che si uniscono in Unità chiamate Branchi e Cerchi.
Il metodo educativo utilizzato è quello dello Scoutismo i cui fondamenti si trovano nell'opera di
Baden-Powell, nello Statuto e nel Patto Associativo. La proposta educativa della Branca Lupetti/Coccinelle viene proseguita nelle età successive da quella della Branca Esploratori/Guide e Rovers/Scolte.

        

   Branca   Rovers/Scolte

 

Unità delle Branche Rover/Scolte che al suo interno si suddivide in 2 parti:

Noviziato & Clan (vedi anche Fuoco).

I Rovers e le Scolte sono persone, tra i 16 e 19/21 anni, che aderiscono alla proposta che lo Scoutismo fa alla loro età. Fanno parte dell'AGESCI, formano le Comunità R/S, per vivere un'esperienza tesa a favorire la crescita di ciascuno nell'impegno dell'autoeducazione, nella disponibilità al servizio del prossimo, nello sforzo di maturare delle scelte per la vita. I fini e le linee fondamentali del metodo del Roverismo/Scoltismo, già delineati da Boden-Powell, sono quelli comuni a tutta l'Associazione. La proposta educativa della Branca R/S, mentre costituisce il completamento della formazione attuata nelle Branche precedenti, è aperta anche all'adesione di giovani non provenienti dallo Scoutismo.

           

   Branco  (Vedi Branca L/C)

 

Unità composta da bambini/e dagli 8 agli 11 anni (Lupetti e Lupette). 

                

Brevetti di Competenza

            

Sito Ufficiale C.N.G.E.I. !!!  C.N.G.E.I.

 

Corpo Nazionale Giovani Esploratori e Esploratrici Italiani

          

Caccia

 

Attività di Branco, di solito svolta fuori dalla tana.

                    

Capitolo

                                      

Carta di Clan

 
La Carta di Clan è strumento per la progressione della persona e della comunità. È scritta e periodicamente rinnovata dal Clan o Fuoco, che rende così esplicite le proprie caratteristiche e tradizioni. Il Clan o Fuoco vi fissa le proprie riflessioni, nonché i valori che gli R/S si impegnano a testimoniare; stabilisce particolari ritmi della propria vita, e si arricchisce progressivamente del risultato delle esperienze vissute dalla comunità.
Essa viene presentata al Noviziato.
La Carta di Clan è uno dei punti di riferimento per la verifica della propria posizione nei momenti di "Punto della Strada".
La Carta di Clan non è un documento ben scritto che deve essere messo sotto vetro, ma è uno strumento vivo del Clan, molto concreto, nel quale non ci sono solo i principi e gli ideali del roverismo, ma soprattutto le possibilità di un cammino, le esperienze reali che tutta la comunità pensa di poter fare per aiutare ogni persona del Clan a giungere alla Partenza.
La Carta di Clan è un riferimento costante del Noviziato.

              

   Cerchio   (Vedi Branca L/C)

 

Unità della Branca L/C composta da bambini/e dagli 8 agli 11 anni (Coccinelle/i). 

        

Challenge

E' un incontro incentrato soprattutto su attività fisiche e tecniche dove predomina il senso della sfida con se stessi attraverso l’avventura e il gioco.

In esso si sperimentano le proprie capacità e i propri limiti, si impara ad affrontare difficoltà impreviste, ad essere pronti, a non scoraggiarsi, condividere la fatica e la gioia e ci si prepara al Servizio.

Viene vissuto a coppie.

         

   Clan   (Vedi Branca R/S )

 

Insieme al Noviziato compone la Branca R/S.

Composto da Ragazzi e Ragazze dai 18 ai 21 anni.

        

Comunità Capi   Comunità Capi  (Co.Ca.)

 

Composta da tutti i Capi che svolgono Servizio Educativo nelle Branche, dai Capi a disposizione e dagli Assistenti Ecclesiastici.

Gli adulti in servizio educativo presenti nel gruppo formano la comunità capi che ha per scopo:

  • l'elaborazione e la gestione del Progetto educativo;

  • l'approfondimento dei problemi educativi;

  • la formazione permanente e la cura del tirocinio degli adulti in servizio educativo;

  • l'inserimento e la presenza dell'Associazione nell'ambiente locale.

La comunità capi, nelle forme che ritiene più opportune:

  • esprime tra i capi della comunità capi una capo e/o un capo gruppo (ambedue se si tratta di un gruppo misto);

  • affida alla competente autorità ecclesiastica la nomina dell'Assistente Ecclesiastico di gruppo e degli Assistenti Ecclesiastici di unità;

  • cura i rapporti con gli ambienti educativi nei quali vivono ragazzi e ragazze(famiglia, scuola, parrocchia ecc.).

La capo gruppo ed il capo gruppo, d'intesa con l'Assistente Ecclesiastico di gruppo ed avvalendosi dell'aiuto della comunità capi, curano in particolare:

  • l'attuazione degli scopi e l'animazione della comunità capi;

  • i rapporti con associazioni, enti civili ed ecclesiastici presenti nel territorio in cui agisce il gruppo;

  • la gestione organizzativa ed amministrativa del gruppo.

La capo gruppo e il capo gruppo, congiuntamente, hanno la rappresentanza legale del gruppo.

       

Cucciolo

 

Nuovo ingresso in Branco.

Lupetto che non ha ancora fatto il suo ingresso ufficiale in branco con la promessa.

                     

Consiglio  Capi

 

Nel Reparto E/G è l'organo formato dai Capi, dall'Assistente del Reparto, dagli Aiuti, dai Capi Squadriglia (se opportuno anche dai vice).

Ha compiti di organizzazione e di verifica delle attività del Reparto e delle squadriglie).

               

Consiglio  della  Legge

 
Il Consiglio della Legge è l'assemblea di tutti gli Esploratori e le Guide del Reparto, assieme ai capi. È riunito periodicamente, in genere al termine di un'impresa, per verificare l'impegno del Reparto e di ogni ragazzo, confrontando il comportamento e l'atteggiamento tenuti rispetto ai contenuti della Legge. Il Consiglio della Legge è un momento di verifica del sentiero; infatti è in questa occasione che l'Esploratore e la Guida riconoscono completato o meno il cammino di tappa. Durante la riunione si chiariscono i punti che vanno tenuti particolarmente presenti nel periodo successivo. In esso, inoltre, vengono assunte le decisioni "importanti" del Reparto. La tradizione del Reparto stabilisce i gesti e i simboli necessari per esprimere con semplicità ed essenzialità le funzioni e il clima fraterno del Consiglio della Legge.

             

Consiglio  degli Anziani

 
Il Consiglio degli anziani, che nel linguaggio della Giungla e del Bosco, assume il nome di Consiglio di Akela e Consiglio dell’Arcobaleno, è una struttura stabile del branco e del cerchio. Esso comprende i lupetti e le coccinelle del branco e del cerchio dell’ultimo anno e ha lo scopo di offrire esperienze più vicine alle loro esigenze.

Sviluppa un programma proprio, inserito pienamente nel programma di unità, con attività specifiche che offrono ad ognuno incarichi e responsabilità personali.

Si riunisce con continuità, curando che tali incontri non si sovrappongano alle altre attività del branco e del cerchio.

                           

                   

Danza
 
Insieme di movimenti ritmati al suono di una canzone.

                          

              

Esploratore
 

Nell'A.G.E.S.C.I. è il termine utilizzato per indicare i ragazzi che sono in Reparto.

Un tempo questo termine copriva l'intero Scoutismo ("ASCI-Esploratori d'Italia"); poi esso si è sempre più ristretto alla Branca intermedia ed originaria del movimento maschile, nella quale coesiste con il termine Scout (ma Esploratore è preferibile se il riferimento è solo al ragazzo dagli 11 ai 16 anni).

              

Famiglia  Felice

 
 

             

Fazzolettone 

                  

Fiamma di Reparto

    

F.I.S. (Federazione Italiana Scoutismo)

 

Federazione composta dall' A.G.E.S.C.I.  e  dal  C.N.G.E.I.

         

    F.S.E. (Federazione Scout d'Europa)

 

Associazione non appartenente alla F.I.S.

                       

Fuoco

 
Clan formato da sole Scolte.

        

Fuoco  di  Bivacco

               

Giglio Scout

            

Giungla

 

Ambiente fantastico della Branca L/C dove è ambientato "Il libro della Giungla".

Parola italianizzata di quella di origine inglese: Jungle.

      

Guida

 
Nell'A.G.E.S.C.I. è il termine usato per indicare le ragazze che fanno parte del Reparto.

Come il termine Esploratore, esso designava in origine sia una parte (la Branca Guide) che il tutto femminile (l'Associazione Guide Italiane).

              

Guidone

                            

   Insegne  di  Gilwell  

 

1 - Fazzolettone color tortora col tartan della Famiglia McLaren.

2 - Nodo a "testa di turco" di foggia speciale.

3 - Laccio di cuoio con appesi 2 tizzoni stilizzati.

Il Fazzolettone "Gilwell" ha un color tenue all'esterno e un colore intenso all'interno... tutto questo per dire che nello Scoutismo ciò che veramente conta è la sostanza e non l'apparenza !!!.

            

Impresa

                                   

Incarichi

                         

       

Jamboree

 
Termine inglese per dire "festa, baldoria", che B.P. scelse per i raduni mondiali degli Scouts e che collegò idealmente con "jam"=marmellata, un'allegra marmellata di ragazzi di tutte le nazioni, culture, razze e religioni.

        

                         

Legge

 

La Legge è quella formulata nello statuto. E' possibile che ciascun Reparto elabori anche alcune particolari norme di comportamento, ma è da evitare che queste sostituiscono alcuni articoli della Legge e si confondano con gli articoli di questa. La Legge infatti non deve essere vissuta come un insieme di norme di comportamento né l'istituzionalizzazione dello "Scout tipo", ma come espressione del patto che lega tutti gli Scouts e la Guide del Mondo. Essa formula gli elementi che qualificano la proposta scout e aiutano ragazzi e Capi a percorrere le diversissime strade che portano alla libertà. Tale caratteristica di uniformità ed universalità è essenziale. I Capi saranno attenti a far sì che gradualmente i ragazzi capiscano che non ci si salva solo per il rispetto della Legge, di nessuna legge, ma che quella di Dio e quelle che a questa si rifanno, come la Legge scout, conservano un grande valore per la crescita personale di ciascuno.

(Clicca sulla parola Legge !!!)

                    

Legge  Branco - Cerchio

         

Lupo della Legge Lupetto che ha appena fatto la promessa, e sta imparando a vivere la legge che ha appena scoperto insieme al branco.
Lupo della Rupe  Lupetto con più esperienza,
ha imparato a vivere la legge, ora corre con il branco.
Lupo Anziano Lupetto con molta esperienza, in genere capo o vice,
punto di riferimento ed esempio per il branco, aiuta i suoi fratellini più piccoli nella loro pista.

     

                     

Sito Ufficiale MASCI !!!  M.A.S.C.I.

 

Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani

                 

Motto   Branca E/G

               

Motto   Branca L/C

                            

Motto   Branca R/S

                          

                  

Noviziato

 

Insieme al Clan compone la Branca R/S.

1 anno di transizione fra il Reparto e il Clan.

Composto da Ragazzi e Ragazze di 17 anni.

                             

Partenza

      

Personaggi della Giungla

 
Akela Lupo capo del Branco.
Personaggio a cui è legata la formazione del carattere dei lupetti.
Bagheera Pantera nera, amica di Mowgli.
Personaggio a cui è legata la salute e forza fisica.
Baloo Orso bruno, vecchio e saggio, maestro della legge.
Personaggio a cui è legata la formazione spirituale.
Kaa Pitone di 30 piedi di lunghezza, amico di Mowgli.
Personaggio a cui è legata l'abilità manuale.
Mowgli Bambino indiano protagonista de "Il Libro della Giungla" di R. Kipling, da cui il branco trae l'ambiente fantastico.

                          

Posti d'Azione

                            

Promessa

 

La Promessa  è pronunciata dopo un primo periodo, non più lungo di 3-5 mesi, dall'ingresso nel Reparto: il ragazzo chiede personalmente di pronunciarla quando ritiene di aver capito le "regole del gioco scout" e vuole parteciparvi impegnandosi a rispettarle. I Capi e gli altri membri del Reparto, in particolare quelli della Squadriglia, durante tale periodo si impegnano perché il nuovo entrato capisca e senta il più possibile lo spirito della vita scout.

La richiesta di pronunciare la Promessa va fatta al Consiglio della Legge il quale l'approva valutando non tanto le capacità tecniche acquisite o la presumibile capacità di mantenere con costanza l'impegno quanto la comprensione della Legge acquisita e la sincerità dell'impegno.
Con il pronunciare la Promessa si diviene Esploratori o Guide.

 

(Clicca sulla Parola Promessa !!!)

                        

Promessa  Branco - Cerchio

         

                                        

    Reparto   (Vedi Branca E/G)

 

E' l'Unità delle Branche Esploratori/Guide

(Non "Riparto" com'era nell'ASCI  e nell'AGI, che per timore di apparire militaristi avevano adottato una voce impropria).

Composte dalle Squadriglie.

          

                     

Saluto Scout

            

San Giorgio

           

Scoutismo

 

Nel 1908 un gruppo di ragazzi iniziava la grande avventura dello scoutismo, innovativo metodo educativo nato da un'intuizione di Robert Baden Powell, con lo scopo di formare "buoni cittadini".

In Italia sono circa 200.000 le ragazze, i ragazzi e gli adulti che formano l'AGESCI, sorta nel 1974, dall'unificazione tra l'Associazione Scouts Cattolici Italiani e l'Associazione Guide Italiane. Fa parte delle Organizzazioni Mondiali Guidismo e Scoutismo, condividendone gli ideali di fratellanza, pace, servizio per il prossimo, coeducazione senza distinzione di sesso, razza, pensiero politico, nazionalità e religione.

Attraverso la vita nella natura  il gioco, la cura della salute e dello sviluppo fisico, l'impegno in attività manuali, l'acquisizione di specifiche tecniche e competenze, il vivere insieme, l'aiutare gli altri, l'assumersi responsabilità e il conquistarsi autonomia, vivendo in un clima di lealtà e fiducia, le ragazze e i ragazzi conducono da sé la loro crescita.
Accompagnati da adulti che condividono le esperienze e stimolano ad interiorizzarle ed analizzarle, approfondiscono la conoscenza di sé, del mondo, di Dio, per giungere a scelte coscienti e coerenti sulla base dei valori condivisi, espressi nella
Promessa e nella Legge Scout e nei Vangeli.

                              

Servizio

Il Servizio è la sintesi della proposta educativa e l'elemento unificante dei vari interessi, delle attese personali, delle attività e dei valori proposti. Ciò nasce dalla dalla convinzione che una persona trova la sua completa dimensione nel fare il bene degli altri, ad imitazione di Gesù, che non è venuto nel mondo per essere servito, ma per servire.

L'educazione al servizio deve essere graduale ed implicare per ogni Rover e Scolta un impegno gratuito e stabile, a cui si è chiamati da altri, in cui si impara a donare con competenza, avendo saputo accogliere i bisogni di chi sta intorno.
Pur essendo svolto per gli altri e contribuendo quindi al cambiamento della realtà, il servizio del Rover e della Scolta è principalmente mezzo di auto-formazione e richiede dunque verifiche e attenzioni particolari.

Il Servizio può essere svolto in Associazione o in altri ambienti, anche non nel campo dell'educazione, ma privilegiando strutture ed ambienti dove sia possibile un rapporto con le persone e una continuità compatibile con la appartenenza alla Comunità.

Il Rover e la Scolta si preparano al servizio partecipando anche alle occasioni di qualificazione e confronto offerte dall'Associazione o da altri Enti.
E' opportuno che i Rovers e le Scolte a scegliere a quale richiesta di servizio rispondere: i Capi, eventualmente, li aiuteranno con opportune proposte, ricavate dalle scelte fatte dalla Comunità Capi ed espresse nel progetto educativo.

                 

Sestiglia

Il Branco gioca diviso in sottogruppi verticali (ogni Sestiglia comprende lupetti di tutte le età), di 6 lupetti o più, indicate dai diversi colori del pelo dei lupi (es: lupi neri, grigi, fulvi ecc. ...) con un Capo-Sestiglia ed un vice.

Il capo ha due barre gialle orizzontali sulla manica sinistra della camicia, il vice una.

          

Specialità

        

Specialità  di  Squadriglia

                    

Squadriglia

                           

Stretta di Mano Scout

                                 

Swapping

Scambio di Distintivi.

                              

     

Tana

 

I locali dove il Branco svolge le attività ( in pratica la Sede).

                  

Thinking Day

          

Totem (Branco)

 
E' il simbolo del branco, ed è gelosamente custodito dalla Sestiglia che ha vinto la giornata, la Caccia o le Vacanze di Branco.

      

Totem (E/G)

          

Totemizzazione

Cerimonia dove si attribuisce ai Ragazzi/e il "Nome di Caccia" come avveniva nelle Tribù degli Indiani.

(Vedi Totem !!!)

                 

Uniforme

                        

                      

Vacanze di Branco

 

"Campeggio" Estivo dei Lupetti, solitamente della durata di 1 settimana.

        

Vecchi Lupi

 

I Capi del branco; in altre parole gli adulti responsabili del branco.

I 4 responsabili in genere sono:  Akela, Bagheera, Kaa e Baloo.

    

Veglia d'Armi

        

Vuoi conoscere Sigle  e  Abbrezioni  incomprensibili???   VT = Vigliacca Tera !!!

      

Puro "Scoutese" del Novecento

Alla fine Giovanni si rivolse all'insegnante di lettere. In fondo ne aveva soggezione con quei suoi occhialetti e quel suo sentenziare in latino, ma forse proprio per questo avrebbe potuto chiarirgli tutte quelle parole che gli ronzavano nella mente e che lo dividevano ferocemente dal suo primo grande amore, Francesca.

Così una mattina di novembre, durante la ricreazione, mentre i suoi compagni si allenavano al pugilato, scambiandosi qualche merenda, si avvicinò alla cattedra allungando un foglietto su cui c'erano scritti una ventina di vocaboli.

- Mi scusi - fece, facendosi piccolo piccolo - mi dice che significano queste parole?

- Ma certo, caro - disse distrattamente la prof. allungando le sue mani inanellate e carpendo il foglio - sarà un piacere per me - e inforcò gli occhiali. Cominciò a scolorire pian piano leggendo l'elenco.

Questo era un miscuglio tremendo di termini in puro "scautese" del 900, lingua mista di inglese, italiano, francese e romanesco che la prof. non aveva molto chiara. Però la sua fama di latinista ed etimologa non poteva essere smantellata da una ventina di vocaboli. Così con aria saccente, cominciò a spiegare:

- Vedi caro, la lingua è frutto di molti portati, ma conoscendone l'origine siamo in grado di spiegare tutto! Per esempio, qui la parola bans, è senz'altro derivazione di "bansigo" , che è quella tavoletta di legno con cui i marinai si spostano lungo le fiancate della nave per ridipingerla o per ripararla.., mentre sq. è una onomatopea, cioè un modo di scrivere come si ascolta. Senz'altro deriva da squaw, donna pellerossa, per cui alta sq. vuoi dire donna pellerossa molto alta. Però qui, ragazzo mio, devi aver trascritto male perché rep. si riferisce senz'altro a repo, prima persona singolare del presente indicativo del verbo latino "repo, repis, repsi, reptum, repere" , voce verbale che significa, strisciare, andar lentamente. Così per staff, cerca di scrivere meglio, staffa volevi dire: finimento del cavallo che serve per tenersi in sella. Accantonato, poi vuol dire che è fatto di angoli, di cantoni. Quindi l'aggettivo si riferisce ad un sostantivo per indicare che questo è messo da parte, accantonato. Sulla frase "uscita con pernotto" dobbiamo indagare più a lungo. Dunque la parola uscita indica l'uscio o l'erogazione di una somma o una battuta improvvisa; pernotto, poi, si riferisce probabilmente al pernottare. Ma il problema linguistico viene da quel "con" . Si tratta di uscio con possibilità di albergo? O di una somma da spendere per dormir fuori casa? O una battuta spiritosa sul non "con" pernottare???? Le sopracciglia della prof. erano rimaste sollevate nel riflettere sulla domanda, quando suonò la campanella.

Giovanni tornò al suo posto più confuso di prima.

Che razza di amici frequentava Francesca ?

Donne pellerossa altissime che strisciavano per afferrare la staffa del cavallo e con questo uscire in lunghe cavalcate? Marinai che usavano bansighi per dipingere le navi e poi li mettevano da parte? Studenti di matematica sempre alle prese con cerchi e quadrati? Il mistero era sempre più fitto e l'amore ancora più cocente. L'avrebbe finalmente fermata, almeno per chiedere spiegazioni. Non capiva, non poteva capire. Forse era meglio così, chissà che, parlando di quei misteriosi termini, Francesca non avrebbe scoperto i suoi occhi verdi che piacevano a tutte e forse anche lui l'avrebbe interessata come quei suoi "guidoni" o si dice scautoni? In questo dubbio Giovanni si perse nelle ultime tre ore di lezione.

Vai alla Pagina Principale !!!

(Ultimo aggiornamento il 01/11/2003)